Vai al contenuto
Notizie
  • Se questo sito ti piace o ti è stato utile, sostienilo con una donazione. grazie
Accedi per seguirlo  
RioneroTnT

Vecchie glorie

Recommended Posts

RioneroTnT

ferrmotgiro.jpg

ambro.jpg

toninobenelli.jpg

1924e.jpg

1932monzadorinoetonino.jpg

1939tedmellorsaltt.jpg

ambroold.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
RioneroTnT

vistastabilimento.jpg

1954j.jpg

fotoricordopresentazion.jpg

tradizione.jpg

1931festadipendentibene.jpg

leopodlotartarini.jpg

luigiciai.jpg

tarquinioprovini.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
RioneroTnT

hailwood.jpg

grassetti.jpg

1961250gp.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
RioneroTnT

01_small.jpg Tonino Benelli.

Tonino Benelli ultimogenito dei 6 fratelli.

Colui che portò alla vittoria le Benelli per la prima volta.

Asso degli assi del motociclismo italiano

02_small.jpgTonino Benelli.

Eccolo nel 1924 con la 147 Sport 2 tempi alla partenza del circuito del Foglia di Pesaro.

03_small.jpg Tonino Benelli, Dorino Serafini.

In piena velocità al Gran premio d’Europa a Roma affiancato dal concittadino e compagno di squadra Dorino Serafini, altro valoroso pilota Benelli e Campione europeo nel 1939.

04_small.jpg L’avventura del 1939 al TT.

Il Tourist Trophy del 1939 nell’Isola di Man si conclude con una prima posizione conquistata dall’inglese Ted Mellors con la 250 bialbero allora insuperabile.

05_small.jpg Trofeo TT.

…..ed ecco il trofeo del LightWeight 250 conquistato al TT.

06_small.jpg Luigi Ciai.

L’argentino Luigi Ciai in azione a Roma sul circuito delle Terme di Caracalla.

Erano gli anni ’50 e la 250 bialbero continuava a dettare legge nelle competizioni.

07_small.jpg Dario Ambrosini.

Dario Ambrosini pilota e macchina un cuore solo. Campione d’Italia e del

Mondo nel 1950 con la Benelli 250 bialbero.

08_small.jpg La bialbero.

La bialbero festeggiata negli stabilimenti di via Mameli dalle maestranze e

Giovanni Benelli.

09_small.jpg Leopoldo Tartarici al Motogiro.

Anno 1953: si corre per la prima volta il Motogiro, la corsa a tappe organizzata da Stadio.

Oltre 200 i partenti.

Vincerà il 289 Leopoldo Tartarici su Benelli 125 Leoncino, trionfatore incontrastato della Gara.

10_small.jpg Leoncino 125.

Modello Bassotto del Leoncino 125 2 tempi: il modello progettato per le

competizioni dalla casa.

11_small.jpg Il bolognese Ferrari al Motogiro.

Il bolognese Ferrari mentre apre letteralmente le acque durante il percorso di gara.

Si qualificherà primo nell’ultima edizione del Motogiro nella categoria 125 cc macchine derivate di serie.

12_small.jpg 1960 - la nuova 250.

Un bellissimo scatto della nuova 250 4 cilindri alla presentazione nel 1960.

13_small.jpg Silvio Grassetti.

Silvio Grassetti, pilota cresciuto in Benelli che portò all’esordio la 4 cilindri di Pesaro e alla vittoria nella gara d’esordio nel circuito di Cesenatico nel 1962.

14_small.jpg Grassetti sul circuito di Torino.

Grassetti in piega con il “lumacone” 250 sul circuito di Torino nel 1959.

Si piazzò secondo alle spalle del compagno di squadra, il grande Geoff Duke, che vinse alla grande.

15_small.jpg Tarquinio Provini.

Tarquinio Provini a Pesaro dal 1964, il tempo di partecipare a due mondiali e

poi lo sfortunato episodio del Tourist Trophy che lo vede protagonista di una rovinosa caduta e conseguente ritiro dalle corse.

16_small.jpg Renzo Pasolini.

Renzo Pasolini Il pilota più amato e ricordato dai tifosi della Benelli.

E’ protagonista insieme a Giacomo Agostini in sella alla MV Agusta nella “Temporada Romagnola”.

Campione d’Italia ne 1968 e 1969 con la 250 e 350 cc.

17_small.jpg Kel Carruthers.

Le sfortune di Renzo Pasolini saranno le fortune dell’australiano che si aggiudicherà il campionato del mondo nel 1969 con la 250 cc, portando il secondo titolo iridato a Pesaro.

18_small.jpg Mike Hailwood.

Una rara foto che ritrae il leggendario Mike Hailwood in sella alla Benelli 350

impegnato sul circuito di Villa Fastiggi al primo Gran Premio “Pesaro Mobili” del 1971: arriverà secondo ingaggiando un favoloso duello con l’MV di Giacomo Agostini arrivando secondo davanti a 80.000 entusiasti spettatori.

19_small.jpg Iarno Saarineen.

Anche il fuoriclasse Saarineen salirà sulla Benelli e in una memorabile giornata vincerà davanti ad Agostini nelle categorie 350 e 500 cc con le nuovissime Benelli progettate dall’ingegner Prampolini.

21_small.jpg Iarno Saarineen.

Saarinen in piega durante il Gran Premio Pesaro Mobili del 1972, dove vinse in ben tre categorie durante la stessa giornata.

20_small.jpg Peter Goddard.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. &è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora
Accedi per seguirlo  

×