Vai al contenuto
Notizie
  • Se questo sito ti piace o ti è stato utile, sostienilo con una donazione. grazie
Accedi per seguirlo  
magico alberman

SILVIO GRASSETTI :una carriera nel segno di benelli !!

Recommended Posts

magico alberman

è con vero piacere che mi accingo a raccontare le gesta di questo grande pilota del passato che ho avuto la grande fortuna di incontrare personalmente:

Silvio Grassetti tra il 1956 e il 1973 è stato uno dei protagonisti della velocità.Ha corso in gare di varia cilindrata e

con diverse marche motociclistiche.Si è confrontato con numerosi campioni.

Durante la sua intera carriera sportiva,pur essendo dotato di notevoli capacità sportive,non ha ottenuto i riconoscimenti

che si sarebbe meritato.

Silvio Grassetti nasce a Montecchio di Pesaro il 24 febbraio 1936 e nei primi anni cinquanta inizia la sua attività sportiva

mettendosi in luce nelle allora diffuse gare di gimcana,in sella ad una moto Parilla .Pilota emergente,dimostra subito talento e stile inusuale e coglie numerose vittorie.

Dopo le gare di gimcana debutta in corse di velocità con una Rumi 125 preparata nell'officina di casa grassetti.

Questa moto gli consente di ottenere ottimi risultati.

Nel 1955 la MotoBi lo ingaggia come collaudatore.Nell'anno successivo approda alla Benelli dove si alterna in collaudi e corse nella classe 125.Corre con il Leoncino 125,motociclo già affermato.

Partecipa alle gare nella categoria cadetti e conquista la prima vittoria a Modena .

Nel 1957 con il Leoncino Benelli 125 ,prende parte all'ultimo motogiro d'italia.Il pilota pesarese gareggia per 2 tappe in

sordina,poi rompe gli indugi,a metà della terza tappa ,ha già un margine di vantaggio impressionante.La sorte però,gli

è contraria.Incorre in un incidente piuttosto grave che lo costringe a quasi tre mesi di letto e ad abbandonare le gare fino al termine della stagione motociclistica.Riesce tuttavia a fine stagione a riprendere confidenza con il Leoncino e

a vincere in bellezza la Vermicino Rocca di Papa .

Il 1958 è l'anno di campionato di seconda categoria e il successo di Busto Arsizio ,altri piazzamenti di rilievo mettono

ulteriormente in luce le grandi possibilità del giovane pilota.

Nello stesso anno sulla pista di Monza Silvio Grassetti,brillante collaudatore della casa Benelli ,inanella giri su giri per saggiare le effettive capacità tecniche della moto 250 monocilindrica bialbero rielaborata ,con la quale nel 1950

Dario Ambrosini si era conquistato il titolo di campione del mondo.

Il 12 Aprile 1959,otto mesi dopo ,la Benelli ritorna in gara partecipando ai Gran Prix .Finalmente la casa di Pesaro ,dopo otto anni di assenza dalle competizioni e su desiderio del dottor Costa ,invia ad Imola due dei suoi migliori pilotibiggrin.pngikkie Dale e Silvio Grassetti,giovane e miglior "promessa" del vivaio juniores.

Sul magnifico tracciato di Santerno ,Dale e Grassetti lottano ruota a ruota contro Mendogni e Liberati.Al traguardo

risultano PP.gifrimo Mendogni,secondo Dale terzo Liberati e quarto il debuttante Grassetti.Per Silvio Grassetti è la prima gara nella categoria superiore e il risultato ottenuto lo gratifica immensamente.

Seguono poi le trasferte in Germania,Svezia,Svizzera e Monza.

In Svizzera,Grassetti ,conduce la gara ma incorre in una brutta caduta mentre per la prima volta in sella a una Benelli

debutta e vince il più volte campione del mondo Geoff Duke.

In queste trasferte per il mondo Silvio Grassetti si conferma a pieno titolo .

Il 1959 ,dunque saluta il positivo ritorno della Benelli alle gare di velocità.

La lunga assenza di otto anni della casa pesarese dura,infatti dal giorno della scomparsa di Dario Ambrosini sul circuito di Albi.

Anche la trasferta in Argentina a Buenos Aires ,Silvio Grassetti consegue una significativa affermazione con la stessa

bialbero 250 ridotta a 175 CC.

Nel 1960 sulla pista privata di Viale Mameli ,la Benelli presenta alla stampa internazionale la nuova quattro cilindri 250.

In questa occasione Silvio Grassetti ha l'incarico di effettuare qualche giro di prova a scopo dimostrativo.Il rombo

del nuovo mezzo suscita un grande scalpore nella comunità sportiva locale e un grande interesse all'interno di tutto

mondo sportivo del motociclismo.

Nel 1961 Silvio Grassetti appare in qualche prova sull'autodromo di Monza e in queste occasioni si riscontrano alcuni problemi di carattere tecnico.In breve tempo il motore e la telaistica vengono perfezionati e migliorati.

Nell'anno successivo,sempre in sella alla stessa moto,Grassetti batte le Honda ufficiali ,la Yamaha e la Morini,conquistando piazzamenti di prestigio in altre gare in italia e si impone con una strepitosa vittoria sul circuito

di Cesenatico.

La casa Benelli rinfrancata da quest'ultima vittoria prende parte a diverse prove di campionato mondiale in :Germania,

Spagna,e Belgio.Purtroppo in varie occasioni Silvio Grassetti ,mentre occupa le prime posizioni,è costretto a ritirarsi

per avarie al motore.Perde così importanti punti validi per l'acquisizione del titolo mondiale.

Nel 1963 porta alla conquista del titolo italiano la poderosa MV Agusta 500 quattro cilindri .Vince numerose corse con

la Bianchi bicilindrica 350 e 500 ,in italia,Spagna e in Belgio.Corre anche con la Morini 250 e vince di nuovo a Modena

e a Sebring; a Daytona si classifica quarto.

Nel 1967 sempre con la Benelli 350 vince su circuiti impegnativi tanto da conquistare il titolo italiano classe 350.

Nel 1968 coglie una doppietta a Nuova Gorica in Jugoslavia vincendo nella 350 e 500.

Il pilota è ormai affermato ed apprezzato e viene ingaggiato negli anni a seguire da molte case motociclistiche italiane e straniere.

Corre con successo in tutte le cilindrate dalla 250,350 alla 500 e per le case MV Agusta,Moto Morini,MZ, Java.

Gareggia un'unica volta all'autodromo di Monza con la Gilera quattro cilindri 500 e a Pesaro con la Morbidelli 125,

Con la Java ,invece giudicata inguidabile e pericolosa da altri piloti ,Silvio Grassetti mette ancora una volta in evidenza

il suo coraggio e vince una prova del campionato mondiale sul circuito di Abbazia in Jugoslavia.

Tra il 1964 e il 1970 ,grazie all'aiuto di alcuni sponsor,Grassetti alterna alle gare che disputa con moto ufficiali alcune corse con due moto private: una Bianchi 350 e una Yamaha 250.

Nel 1970 proprio con la Yamaha 250.Grassetti conquista il titolo italiano.

Nel frattempo,in casa Grassetti,dove predomina la passione per i motori, si costruisce una 250 bicilindrica a valvola

rotante.La moto è disegnata dall'ingegner Savelli e costruita con la collaborazione del fratello di Silvio,Tonino (già dipendente del reparto corse Benelli).

Silvio Grassetti mette in evidenza la sua tenacia e classe del pilota generoso vincendo con la moto di famiglia il

gran premio d'Austria e piazzandosi tra i primi in altre gare.

Durante la sua lunga carriera agonistica segnata da alti e bassi ,Silvio Grassetti colleziona tre titoli italiani,e un secondo posto nel campionato mondiale.

Infine,Silvio decide di ritirarsi dal mondo delle corse .Certo è che un pilota volenteroso e coraggioso come lui avrebbe meritato sicuramente un titolo mondiale.

silvio_grassetti_1.jpg

images?q=tbn:ANd9GcS843CzO6QBFgnN0jpBtVWZf9Ut1vX7OiXgs41llFtUZ_6AQqxD

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
nero espresso racer

Mitico che cavallo!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
vicius

cavolo che bella quella Benelli! e davvero tanti complimenti a Silvio Grassetti :group:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Erresse65
Inviata (modificato)

1 Maggio 1962 Circuito di Cesenatico

Vittoria di Silvio Grassetti, numero 23 su Benelli 250cc 4 cilindri, davanti al campione del mondo l'australiano Phillis su Honda numero 64

posteri la foto, ma pur cliccando "inserisci immagine" il sistema non mi fare nulla.

Modificato da Erresse65
1936-2018 ciao Silvio

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
The road burn

Bell'articolo,è giusto dare a Cesare quel che è di Cesare. :ave:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. &è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora
Accedi per seguirlo  

×