Jump to content
Notizie
  • Se questo sito ti piace o ti è stato utile, sostienilo con una donazione. grazie
Parmi

BN 302: sonda IAT

Recommended Posts

Parmi

Ciao dario_bn302 cosa intenti x raggio di sterzata troppo ampia ?
Per quanto riguarda altre moto, ho riparato una ktm duke 125 ( il telaio è uguale al 390 )x mia sorella , ritirata dopo un incidente , ci credo che pesa di meno è tutta plastica !!! Con un telaio molto fine , neanche paragonabile alla bn 302.
Io ho percorso 21000 km e ne sono pienamente soddisfatto.
L'unica cosa cosa che mi dava fastidio è l'assenza di potenza ai medi , ho risorto modificando il collettore di scarico ( ho tolto il catalizzatore ) , si hanno più benefici dal collettore che sostituendo il terminale.

Altro problema che mi assillava , quest'estate al mattino andava liscia nessuna vibrazione , con l'aumentare della temperatura la moto diventava ruvida è scorbutica , risolto con un ingannatore sonda IAT



Inviato dal mio Vowney Lite utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
thegioXXe

Parmi, fammi capire meglio il discorso delle sonde lambda, come riesci a bypassarle?

Share this post


Link to post
Parmi

Non è la sonda lambda è la sonda del filtro dell'aria , ho trovato su eBay una centralina che non è altro che un potenziometro e lo colleghi in serie alla sonda installazione molto semplice , spesa 50€

Inviato dal mio Vowney Lite utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
thegioXXe
32 minuti fa, Parmi ha scritto:

Non è la sonda lambda è la sonda del filtro dell'aria , ho trovato su eBay una centralina che non è altro che un potenziometro e lo colleghi in serie alla sonda installazione molto semplice , spesa 50€

Inviato dal mio Vowney Lite utilizzando Tapatalk
Non è che ti ricordi il sito? La cosa mi interessa parecchio
 

 

Share this post


Link to post
Parmi

Lo stavo cercando x postarlo non lo trovo, guarderò sulle email della spedizione

Inviato dal mio Vowney Lite utilizzando Tapatalk

Trovato il link per la centralina

Guardalo su eBay http://www.ebay.it/itm/122193926275


Inviato dal mio Vowney Lite utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
thegioXXe
2 minuti fa, Parmi ha scritto:

Lo stavo cercando x postarlo non lo trovo, guarderò sulle email della spedizione

Inviato dal mio Vowney Lite utilizzando Tapatalk
 

Alla fine si tratta solo di trovare la resistenza adeguata alla centralina della BN, conoscendo i valori sarei anche in grado di autocostruirmela e, visti i componenti necessari, anche prendendo il potenziomentro, il costo sarebbe molto molto basso (sotto i 10€)...interessante.
Relativamente a togliere il catalizzatore sono un po' restio perchè quando poi andrò a fare la revisione bisogna rimontare tutto quanto.

Certo che sommando le tre modifiche si recuperano altri, quanti, 5 CV ? (2 dallo scarico e altri 3, credo dal collettore), sommando le 3 cose si potrebbe usare un pignone con 1 dente in più ed avere un po' di allungo in più.
 

Share this post


Link to post
Parmi

Per il collettore l'ho trovato usato a 60€ e ho modificato quello , appunto per rimontare in caso di revisione l'originale , ne ho trovati su AliExpress a un costo inferiore che prendere il collettore Arrow , per i rapporti io ho cambiato la corona prima con una da 40 denti , la sesta non la tira ma per lunghi spostamenti in autostrada è perfetta , ora monto una da 42 denti un buon compromesso.
Per la sonda dovrei darti la misurazione , anch'io ho intenzione di modificarla ma per ora non ho trovato un potenziometro da installare in un posto accessibile mentre guido , altra alternativa mettere un altra sonda con un altra resistenza in modo che moduli secondo la temperatura percepita


Inviato dal mio Vowney Lite utilizzando Tapatalk

Link per collettori di scarico

Universale Del Motociclo Akrapovic Yoshimura Tubo Di Scarico Silenziatore Tubo Centrale per BENELLI BJ600GS BJ300GS YZF R15 TMAX530 500
http://s.aliexpress.com/j6r2UVbu
(from AliExpress Android)

Inviato dal mio Vowney Lite utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Marines89

anche la BN diventa scorbutica con la temperatura? sulle 3 cilindri bisogna regolare il CO almeno 2 volte l'anno perchè la correzione che fa la centralina in funzione della temperatura è molto "netta".

Vedo comunque che avete trovato la soluzione classica (lo fanno su un sacco di moto) lavorando sul sensore temperatura.
Consiglio: visto che il sensore temperatura è una resistenza che varia con la temperatura esterna, potreste sostituirlo con una resistenza semplice che non varia con la temperatura esterna e che vi dà il valore in Ohm corrispettivo ai gradi in cui credete che la moto vada meglio.

Ad esempio questo è (all'incirca) il sensore montato sulla trek:

Immagine.jpg

come vedete la resistenza cambia in funzione della temperatura in maniera quasi logaritmica. Se riuscite ad individuare la temperatura oltre la quale la moto comincia a diventare scorbutica allora potete risalire alla tabella del sensore e sostituirlo con una resistenza "costante" di opportuno valore.

Ad esempio le nostre 3 cilindri lavorano stranamente bene sotto i 25 gradi, da questa tabella vedo che il range di resistenza varia dai 19kilohm ai 10 kilohm e allora potrei prendere una resistenza da 15kilohm e inserirla al posto del sensore.

Quello che fanno le centraline che si inseriscono al posto del sensore temperatura è una modulazione con potenziometro per dare la possibilità di ingrassare o smagrire indipendentemente dalla temperatura esterna,

Che voi sappiate non si riesce ad accedere alla centralina della BN?

Edited by Marines89

Share this post


Link to post
Parmi

Ciao Marines89 per accedere alla centralina , ho TuneEcu con apposito spinotto , ma la bn 302 non è presente nel database , quindi non ho ancora provato , per le altre Benelli sono presenti nel database .
Dalle prove effettuate sulla sonda aria , penso che mettere una resistenza fissa in serie alla sonda non vada bene , devi intervenire varie volte per ottimizzare , ad esempio ora ho dovuto spostare il potenziometro a zero , in Sardegna con clima secco ho dovuto regolarlo diversamente da dove sono partito ( Cremona ).



Inviato dal mio Vowney Lite utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Marines89

Appunto non intendevo mettere la resistenza in serie al sensore aria (che induce una resistenza varibile in funzione della temperatura), ma rimuovere il sensore aria inserendo al suo posto una resistenza "costante" (che non varia in funzione della temperatura). In questo modo la centralina legge sempre la stessa resistenza indipendentemente dalla temperatura esterna

Share this post


Link to post
Parmi

Sarebbe da provare .
Peró così rischi di avere una miscela troppo grassa o troppo magra al variare della temperature , e non hai la possibilità di adeguati alle varie temperature .
Andrebbe bene se usi la moto in un determinato periodo dell'anno, in una zona ben precisa , dove la variazione delle temperature e il grado di umidità cambi di poco .


Inviato dal mio Vowney Lite utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
thegioXXe

Credo che l'utilizzo del potenziometro serva proprio a quello, per poter regolare la resistenza in base alle condizioni (ed al sensore che si va a sostituire)...o non ho capito nulla?

 

Share this post


Link to post
Parmi

Non va a sostituire il sensore, ma va messo in serie per lavorare col sensore .
Esempio se il sensore misura 1 col potenziometro misurerà 1+1

Inviato dal mio Vowney Lite utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Marines89

La centralina aggiuntiva ti permette di regolare col potenziometro l'informazione che vuoi inviare alla centralina così da farle fare la correzione all'iniezione che preferisci.

Ma comunque è un'aggiunta ad un impianto che già fa quel lavoro lì, solo che tu non puoi regolare la correzione della centralina in funzione della temperatura. Per farlo bisognerebbe accedere alla centralina e in particolare alla programmazione della mappa che corregge in funzione della temperatura.

Comunque non mi pare che i vecchi carburatori (che non correggevano nulla in funzione della temperatura, se non dal punto di vista fluidodinamico) avessero chissà quali problemi anzi, hanno sempre fatto il loro lavoro egregiamente estate o inverno che fosse, al massimo si interveniva correggendo la carburazione con la vite apposita, senza necessità di aggiungere tutti i componenti di questi sistemi retroazionati (questo sono) complicando l'impianto

Share this post


Link to post
Parmi

Mettere sullo stesso piano , iniezione e carburatori , non mi mi sembra appropriato , anche se svolgono la stessa funzione, in maniera nettamente diversa.
Carburatore più semplice, ma meno ottimizzato tra consumo e resa del carburante.
Iniezione complicato ma molta resa
Per questo motivo non ha senso privare l'iniezione di un sensore variabile


Inviato dal mio Vowney Lite utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Marines89

conosco bene i sistemi di alimentazione carburante.

Ma alla fine quello che fa la centralina aggiunta è quello: prende il segnale variabile in ingresso dal sensore, lo modifica in funzione dell'impostazione che tu imponi e lo manda alla centralina

Edited by Marines89

Share this post


Link to post
Parmi

Si tu hai ragione la funzione è quella , ma non tieni conto che al variare delle temperatura la carburazione cambia , se gli dai lo stesso valore per qualsiasi temperatura esterna , non so se poi vada bene .
Per esperienza sulla mia moto , ho constatato che ho dovuto agire sul potenziometro diverse volte, se mettevo una resistenza fissa sarebbe stata ancora scorbutica in certe situazioni .

Sarebbe meglio spostare la discussione in centralina

Inviato dal mio Vowney Lite utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Parmi

Forse ho la soluzione
Mettere un interruttore , baipassare la sonda e inserire la resistenza all'occorenza

a0fd852ff9f7e14237ba0eaf0f7dede5.jpg

Inviato dal mio Vowney Lite utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Marines89

beh oddio dai, dopo 9 anni di studi sui motori penso di riuscire a ricordarmi che la carburazione cambia in funzione della densità dell'aria che è, a sua volta, funzione della temperatura esterna. Senza contare che cambia ancora man mano che l'aria passa nel condotto della testa dove prende, per convezione, il calore ceduto dalle pareti metalliche ma, fortunatamente, raffreddata dall'evaporazione della benzina nel condotto.

Lo schema che hai fatto con l'interruttore non va bene perchè, una volta inserito l'interruttore sulla posizione di chiusura del circuito, avresti due resistenze in parallelo il cui valore non c'entra quasi nulla con quello che si aspetta la centralina. 

Con un interruttore deviatore potresti inserire il sensore di temperatura quando vuoi che la centralina si adegui alla temperatura esterna e, come sopra, farlo scattare quando vuoi che la resistenza invece sia costante.

 

Share this post


Link to post
Giorgio.Loda

Con tutta la robba che gli avanza in Cina potevano metterci un carburatore ...... Poca spesa massima resa ...... :) dico bene ? 

image.jpeg

Share this post


Link to post
Parmi

Giorgio TNT con tutta quella roba ti costruiamo una bella motoretta cinese anche per te

Inviato dal mio Vowney Lite utilizzando Tapatalk

beh oddio dai, dopo 9 anni di studi sui motori penso di riuscire a ricordarmi che la carburazione cambia in funzione della densità dell'aria che è, a sua volta, funzione della temperatura esterna. Senza contare che cambia ancora man mano che l'aria passa nel condotto della testa dove prende, per convezione, il calore ceduto dalle pareti metalliche ma, fortunatamente, raffreddata dall'evaporazione della benzina nel condotto.
Lo schema che hai fatto con l'interruttore non va bene perchè, una volta inserito l'interruttore sulla posizione di chiusura del circuito, avresti due resistenze in parallelo il cui valore non c'entra quasi nulla con quello che si aspetta la centralina. 
Con un interruttore deviatore potresti inserire il sensore di temperatura quando vuoi che la centralina si adegui alla temperatura esterna e, come sopra, farlo scattare quando vuoi che la resistenza invece sia costante.
 

Si hai ragione meglio un deviatore , volevo farla semplice
Mi spieghi perché all'inizio dici di installare una resistenza e eliminare la sonda ?
Poi spieghi il funzionamento del motore e dei sui flussi è confermi che sono variabili .

Inviato dal mio Vowney Lite utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Marines89
38 minuti fa, Parmi ha scritto:

Lo schema è stato volutamente fatto con un interruttore, sarebbe stato troppo semplice con un deviatore .
Comunque funziona anche così, mettendo le resistenze in parallelo .
Ma mi spieghi perché all'inizio volevi mettere una resistenza al posto della sonda ?

Inviato dal mio Vowney Lite utilizzando Tapatalk
 

evidentemente non sono riuscito a far cogliere il mio concetto.

Il sensore di temperatura non è altro che un termistore (o termoresistenza) il quale genera una resistenza, nell'impianto nel quale è applicato, che è funzione della temperatura (con valori paragonabili alla tabella che ho postato prima), la centralina è opportunamente istruita in fase di progetto al fine di correggere la carburazione proprio in funzione della temperatura esterna, grazie appunto alla lettura del sensore. Se la temperatura esterna cambia, cambia la sua densità, e siccome cambia la densità allora è necessario correggere l'impulso che la centralina invia agli iniettori al fine di avere la corretta dosatura della miscela.

Se al suo posto, quindi eliminandolo, inserisci una semplice resistenza (che non cambia il suo valore di resistenza in funzione della temperatura), del valore opportuno, in pratica la centralina "capisce" che la resistenza ha un determinato valore, che però non sa che ora non cambia più con la temperatura ed è sempre costante, e quindi applica la correzione di carburante che è stata istruita ad applicare per quel determinato valore di resistenza.

In parole povere: se fai credere alla centralina che fuori ci sono sempre 25°, lei dirà agli iniettori di iniettare come se fuori ci fossero 25°, anche se non è così. In fin dei conti la densità dell'aria tra 0° e 30° cambia solo del 9%, sembra tanto ma rapportato ai milligrammi di combustibile che ogni iniettore deve iniettare per ogni iniettata vedrai che cambia davvero poco, soprattutto perchè anche l'iniettore ha un certo errore (misurato in fase di collaudo). 

Se per ipotesi inserisci una resistenza che corrisponde alla temperatura di 15° vedrai che da 15° a 30° la densità cambia solo del 4,9% e probabilmente l'erogazione non ne risente nemmeno, o almeno è talmente impercettibile che non te ne rendi conto.

I sistemi di gestione dell'iniezione di carburante sono stati sì introdotti per permettere al motore di produrre una coppia che sia il più costante possibile al variare della temperatura (correggendo quindi l'iniezione di combustibile, ma anche l'anticipo d'accensione), ma soprattutto per soddisfare le normative anti-inquinamento e ridurre i consumi. I motori giravano benissimo con i carburatori, consumavano tanto, bisognava trovare il setting giusto, ma con il carburatore i motori vanno benissimo; sono stati soppiantati dall'iniezione elettronica proprio perchè è cresciuta l'esigenza di ridurre i consumi, ridurre l'inquinamento e aumentare l'efficienza del motore.

Quindi se mettiamo sui piatti di una bilancia, da una parte, il variare della densità dell'aria e quindi la necessità di correggere la carburazione al variare della temperatura e, dall'altra, la necessità di rispettare le normative anti-inquinamento e ridurre i consumi, ti posso assicurare che il peso del motivo pratico per cui si usa l'iniezione elettronica và a favore del rispetto delle normative e dei consumi, e non tanto del cambio di densità

Edited by Marines89

Share this post


Link to post
dario_bn302
23 ore fa, GiorgioTNT ha scritto:

Mi hai autoconvinto mi conterrò ma non prometto nulla ..... Se quello che scrivi mi incuriosisce o mi diverte non vedo perché non dovrei commentare :) 

 

p.s. Ma MT03 o la Ktm 390 era meglio ..... È la mia opinione ....

No, no, per carità! La KTM 390 non mi piace per niente come linea, anche perchè mi sembra più una supermotard che una naked, e non è comoda (provata personalmente, e confermatomi anche da un paio di possessori della stessa) come la Benelli; la Yamaha MT-03 ha un allestimento inferiore alla BN302 (a parte il motore monocilindrico con un sound che non mi piace), vedi ad es. il monodisco anteriore,e poi, costa circa 1.000 Euro in più. Stiamo scherzando?! :angry:

Per favore, visto che la discussione sulla centralina/resistenza/ecc. si è fatta interessante, perchè non la spostate in apposito post, per cortesia? Mi rivolgo anche all'ADMIN, grazie.

  • Upvote 1

Share this post


Link to post
Parmi

Ok ora ho capito, basta trovare la temperatura ottimale, per la nostra bn 302, poi traformarla in Ohm secondo la tabella ( se il nostro sensore ha le stesse caratteristiche) perché mediamente va bene su tutte le temperature esterne .
Ho capito bene ?

Inviato dal mio Vowney Lite utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Parmi

Così dovrebbe andare bene ho messo un potenziometro perché non conosco la temperatura ideale , adesso bisogna trovare un deviatore che sia gestibile dal manubrio
0989dd4d75f1fea823fc34d51325dd99.jpg

Inviato dal mio Vowney Lite utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...

Important Information

Utilizziamo cookie per migliorare l’esperienza di navigazione. Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy. Privacy Policy