Jump to content
Notifica
  • Se questo sito ti piace o ti è stato utile, sostienilo con una donazione. grazie !
  • Montaggio centralina IAT nte digital


    Stefano  ciccarella

    Recommended Posts

    Stefano  ciccarella

    Sono alcuni giorni che mi dedico al montaggio di questa centralina iat completamente digitale che si comanda sia direttamente da un pulsante sulla centralina sia con app Bluetooth. Il montaggio sono riuscito a farlo da solo, non senza qualche problemino, però alla fine ci sono riuscito e la moto è partita. Causa maltempo non ho potuto provarla e a detta del costruttore bisogna farci 150/200 km per godere poi a pieno di tutti i “poteri” della centralina. 
    per il montaggio ho dovuto:

    smontare il serbatoio

    individuare il sensore iat e collegarci a ponte la centralina e qui non potevo sbagliare perché erano maschio e femmina 😂

    collegare sotto chiave la centralina con un rubacorrente ad un filo di un fusibile che funge anche da alimentatore perché come scritto nelle istruzioni la centralina assorbe pochissimo

    rimontare il serbatoio (qui la nota dolente di tutta l’operazione centralina) ma alla fine ci sono riuscito 

    fascettare tutti i fili e collegare la centralina 

    Ho scelto questa perché avendo cambiato collettori e scarico ora la moto è completa

    almeno fino alla prossima modifica 😂

    appena il tempo si rimette la provo 

    il produttore poi da 30 giorni e se non sei soddisfatto ti rimborsa al 100%

    0EB80961-4305-4607-A6A3-577E190AC129.jpeg

    40767F30-9FDD-4FD8-88D0-278798BC00C3.jpeg

    7C347B3C-D11F-434C-848E-89B58D96CBD7.jpeg

    F0418DD6-5C61-45A3-9D89-AFC330C5D051.jpeg

    C3462931-6576-46A4-B6DE-FD6CF2E59ACB.jpeg

    763555D4-5220-4DA3-84AA-1401CC322FE4.jpeg

    503D983B-F787-4912-8A39-E32EB938A152.png

    Edited by Stefano ciccarella
    Link to post
    CorradoB

    Bene...facci sapere come va.. dopo che si sarà autoadattata, registrato i vari parametri  e potrai capirne i reali benefici..soprattutto se riesce a ridarti quella coppia persa in basso dopo la sostituzione dello scarico 😉

    ps. per curiosità....il tubetto del serbatoio dove andava?  😉

    Link to post
    Stefano  ciccarella

    AGGIORNAMENTO

    RECENSIONE CENTRALINA AGGIUNTIVA NTE DIGITAL-IAT

    oggi dopo alcuni giorni ho fatto i primi 100km con la centralina aggiuntiva montata, all’inizio non sentivo nessun cambio ma adesso trovò una moto con erogazione più piena, spinge fino agli 8/8500 giri in modo costante e anche a marcia bassa la ripresa è nettamente migliorata. Avendo sostituito lo scarico completo con quello arrow (sound fantastico) dedicato per Leoncino posso affermare un leggero ma significativo incremento di prestazioni in quanto a spinta con questa ultima modifica. Preciso che non l’ho fatto per velocità massima o altre stupidagini tipo gare ma solo per gusto personale di avere una moto come piace a me.

    credo che non opterò per la restituzione della centralina ma la terrò ben montata sulla mia Leo 🦁

     

     

    • Like 1
    Link to post
    CorradoB
    12 minuti fa, Stefano ciccarella ha scritto:

    ma adesso trovò una moto con erogazione più piena,

    un po come era successo a me cambiando il sensore IAT..ma io avevo comunque lo scarico originale...certo con l'aggiornamento della centralina è cambiata ancora, in meglio e in maniera più sensibile...

    se tu hai cambiato lo scarico completo...che notoriamente svuota i bassi e questa centralina aggiuntiva ti riporta un erogazione più piena a maggior ragione il suo lavoro lo fa😉

    11 minuti fa, Stefano ciccarella ha scritto:

    per gusto personale di avere una moto come piace a me.

    che poi è quello che conta! 😉

    Link to post
    • 3 months later...
    Stefano  ciccarella
    5 minuti fa, Leoncino500T ha scritto:

    Ciao, che benefici hai avuto con questa centralina?

     Ciao ne ho parlato in questo topic quando l’ho montata, ho trovato più prontezza ai bassi regimi è una spinta costante fino agli 8000/8500 giri, poi tramite app me la sono regolata a mio piacimento scegliendo un settaggio intermedio 

    Link to post
    Popo
    In 30/3/2020 at 16:59 , Stefano ciccarella ha scritto:

    503D983B-F787-4912-8A39-E32EB938A152.png

    Questa schermata dell'app sembra molto semplice e ben fatta.
    @Stefano ciccarella nel riguardo inferiore sinistro è mostrato l'angolo di anticipo per l'accensione, era un parametro che puoi variare? Perchè non comprendo come la semplice IAT possa influire su quel parametro specifico.

    Hai per caso anche uno screenshot di quale rapporto aria/benzina utilizzavi? O comunque potresti darci qualche info aggiuntiva sull'app?

    Link to post
    Stefano  ciccarella
    6 ore fa, Popo ha scritto:

    Questa schermata dell'app sembra molto semplice e ben fatta.
    @Stefano ciccarella nel riguardo inferiore sinistro è mostrato l'angolo di anticipo per l'accensione, era un parametro che puoi variare? Perchè non comprendo come la semplice IAT possa influire su quel parametro specifico.

    Hai per caso anche uno screenshot di quale rapporto aria/benzina utilizzavi? O comunque potresti darci qualche info aggiuntiva sull'app?

    Puoi variare solo il rapporto stechiometrico scegliendo un settaggio più grasso o più magro. Avendo provato tutti i settaggi, dal più grasso al più magro ho scelto una via di mezzo. Tutte le altre tabelle mostrano i valori modificati dalla centralina in automatico. Non ho screen perché l’ho rimossa dalla moto perché ho dato in permuta il Leoncino. 

    Link to post
    Mrz80
    15 minuti fa, Stefano ciccarella ha scritto:

    Puoi variare solo il rapporto stechiometrico scegliendo un settaggio più grasso o più magro. Avendo provato tutti i settaggi, dal più grasso al più magro ho scelto una via di mezzo. Tutte le altre tabelle mostrano i valori modificati dalla centralina in automatico. Non ho screen perché l’ho rimossa dalla moto perché ho dato in permuta il Leoncino. 

    Scusami, sono ignorante... Quindi gli altri parametri sono indicativi e li calcola lei o sono letture reali dei valori che la centralina "aggiorna" in funzione di come tu modifichi il valore della IAT?

    Link to post
    Stefano  ciccarella
    Posted (edited)
    15 ore fa, Mrz80 ha scritto:

    Scusami, sono ignorante... Quindi gli altri parametri sono indicativi e li calcola lei o sono letture reali dei valori che la centralina "aggiorna" in funzione di come tu modifichi il valore della IAT?

    Praticamente sono le letture dei valori in tempo reale in base al rapporto stechiometrico che imposti. Poi ha anche una funzione che a moto fredda non inizia con i valori pre impostati ma te li fa raggiungere gradualmente mentre la moto raggiungere la temperatura ottimale di utilizzo 

    15 ore fa, Popo ha scritto:

    @Niko il BruscoSisi ho visto che la vende, volevo solo avere un feedback più dettagliato da un ex-utilizzatore.

    Guarda ora sto usando la moto senza centralina perché venerdì prendo la moto nuova è quindi l’ho smontata e la differenza ai bassi giri si nota, è tornato l’effetto on/off e ai bassi giri se dai gas fino si 4500 si sente la differenza con e senza. Come ho scritto nel post in cui la recensivo io non l’avrei restituita dopo i 30 giorni di prova.

    Edited by Stefano ciccarella
    Link to post
    Popo

    @Stefano ciccarella nel prossimo futuro (appena arriva il connettore) proverò a farmi una centralina ad-hoc e mi sembrava appunto strano che ci fosse modo di variare l'anticipo da quella presa. Ma se la centralina principale si autoadatta al rapporto stechiometrico dato dalla IAT allora perfetto. Io non sono interessato alla potenza ma al consumo, che è già ottimo!
    Solitamente io tendo a fare viaggi minimi di 40 minuti, con RPM compresi tra 2'000 e 4'000 con qualche tirata ogni tanto, quindi il motore è sempre ben pulito. La cosa fastidiosa che ho notato sin da subito, e sia prima che dopo l'aggiornamento centralina, è l'instabilità dei giri proprio nel mio range di utilizzo. Questa instabilità la avverto semplicemente con un leggero calo di potenza e poi ripresa, anche a 4'000 RPM, che non so se si dovuto SOLO alla miscela molto magra o anche da una IAT che tende a far ballare leggermente i valori e che quindi obbliga la centralina principale a regolare continuamente il rapporto stechiometrico, con conseguente variazione della potenza a parità di apertura dell'acceleratore. (sia chiaro che parlo di variazioni veramente leggere, però osservabili su una strada piattisima a regime super costante da chi magari è più sensibile a questi aspetti)

    La mia idea originale era quella di attaccare semplicemente un monitor/tester per vedere come varia la IAT originale durante il funzionamento, e in base ai risultati apportare delle modifiche introducendo un sistema digitale di smoothing, per ovviare a un ipotetico segnale ballerino della IAT OPPURE, sempre digitalmente, aggiungere un leggero offset ai segnali della IAT per ingrassare di qualche punto la miscela.

    Essendo i consumi già ottimi l'idea è quindi solo di rimuovere questa leggerissima imprecisione del motore di cui parlato. Leggendo i tuoi feedback in merito mi aspetto quindi di poter gestire un'erogazione molto più regolare solo variando i segnali della IAT.

    Partirò con questo primo step, diciamo che se tutto va bene poi sarebbe possibile anche connettere a questa mia centralina fai-da-te anche il numero di giri motore attraverso un secondo connettore (sperando di trovare facilmente il connettore originale), in maniera da poter variare il controllo della miscela per ogni RPM.

    E step finale (esageriamo) poter fare più controlli diversi in funzione di quello che ho bisogno/voglia in quel momento = le mappe. Che si potrebbero selezionare da telefono o direttamente da un pulsante fisico sulla moto.

     

    • Like 1
    Link to post
    Mrz80
    [mention=4509]Stefano ciccarella[/mention] nel prossimo futuro (appena arriva il connettore) proverò a farmi una centralina ad-hoc e mi sembrava appunto strano che ci fosse modo di variare l'anticipo da quella presa. Ma se la centralina principale si autoadatta al rapporto stechiometrico dato dalla IAT allora perfetto. Io non sono interessato alla potenza ma al consumo, che è già ottimo!
    Solitamente io tendo a fare viaggi minimi di 40 minuti, con RPM compresi tra 2'000 e 4'000 con qualche tirata ogni tanto, quindi il motore è sempre ben pulito. La cosa fastidiosa che ho notato sin da subito, e sia prima che dopo l'aggiornamento centralina, è l'instabilità dei giri proprio nel mio range di utilizzo. Questa instabilità la avverto semplicemente con un leggero calo di potenza e poi ripresa, anche a 4'000 RPM, che non so se si dovuto SOLO alla miscela molto magra o anche da una IAT che tende a far ballare leggermente i valori e che quindi obbliga la centralina principale a regolare continuamente il rapporto stechiometrico, con conseguente variazione della potenza a parità di apertura dell'acceleratore. (sia chiaro che parlo di variazioni veramente leggere, però osservabili su una strada piattisima a regime super costante da chi magari è più sensibile a questi aspetti)
    La mia idea originale era quella di attaccare semplicemente un monitor/tester per vedere come varia la IAT originale durante il funzionamento, e in base ai risultati apportare delle modifiche introducendo un sistema digitale di smoothing, per ovviare a un ipotetico segnale ballerino della IAT OPPURE, sempre digitalmente, aggiungere un leggero offset ai segnali della IAT per ingrassare di qualche punto la miscela.
    Essendo i consumi già ottimi l'idea è quindi solo di rimuovere questa leggerissima imprecisione del motore di cui parlato. Leggendo i tuoi feedback in merito mi aspetto quindi di poter gestire un'erogazione molto più regolare solo variando i segnali della IAT.
    Partirò con questo primo step, diciamo che se tutto va bene poi sarebbe possibile anche connettere a questa mia centralina fai-da-te anche il numero di giri motore attraverso un secondo connettore (sperando di trovare facilmente il connettore originale), in maniera da poter variare il controllo della miscela per ogni RPM.
    E step finale (esageriamo) poter fare più controlli diversi in funzione di quello che ho bisogno/voglia in quel momento = le mappe. Che si potrebbero selezionare da telefono o direttamente da un pulsante fisico sulla moto.
     
    Ah...9e3f4e51b3e2abcbed4205f95ae87b9d.gif

    Inviato dal mio Mi 9 SE utilizzando Tapatalk

    • Like 1
    • Haha 1
    Link to post
    CorradoB
    53 minuti fa, Popo ha scritto:

    con RPM compresi tra 2'000 e 4'000 con qualche tirata ogni tanto, quindi il motore è sempre ben pulito. La cosa fastidiosa che ho notato sin da subito, e sia prima che dopo l'aggiornamento centralina, è l'instabilità dei giri proprio nel mio range di utilizzo. Questa instabilità la avverto semplicemente con un leggero calo di potenza e poi ripresa, anche a 4'000 RPM, che non so se si dovuto SOLO alla miscela molto magra o anche da una IAT che tende a far ballare leggermente i valori e che quindi obbliga la centralina principale a regolare continuamente il rapporto stechiometrico, con conseguente variazione della potenza a parità di apertura dell'acceleratore. (sia chiaro che parlo di variazioni veramente leggere, però osservabili su una strada piattisima a regime super costante da chi magari è più sensibile a questi aspetti)

    praticamente come il vecchio col cappello sulla panda 30 ...e ci credo che i consumi sono ottimi e il motore ben pulito...praticamente va ad aria 😂 ....scherzo, non te la prendere eh 😉

    concordo con le variazioni leggere che rilevi....ma penso siano intrinseche su un bicilindrico tenuto stabile a quei regimi, bicilindrico che ama girare tra i 4000 e 7000 ....anzi credo che alcuni bicilindrici siano adirittura peggiori 😉 ...un 4 cilindri girerebbe come un orologio ma d'altro canto consumerebbe di più avendo due cilindri in più da alimentare... fondamentalmente il tuo sarebe quasi un esercizio di stile nel tenera il più a punto possibile il motore nel range di giri a te più congeniale, non sistemare un buco di erogazione in un motore...buco che fondamentalmente non esiste 😉

    Edited by CorradoB
    • Like 2
    Link to post
    Trkspqr

    Scusate eh...provo a fare chiarezza...per me visto che non ho ben capito la IAT in realtà è un sensore, che rileva la temperatura dell'aria in ingresso e sulla base delle temperature rilevate, la centralina della moto avrà delle mappature interne che indicano per quanto tempo tenere aperti gli iniettori...giusto? Ora, la digital IAT, a mio avviso, non fa altro che aggiungere o togliere qualche grado alla temperatura rilevata ma sempre rimanendo nei limiti del range del rapporto stechiometrico configurato...giusto?

    Inviato dal mio K10000 Pro utilizzando Tapatalk



    sistemare un buco di erogazione in un motore...buco che fondamentalmente non esiste


    Un buco mette sempre allegria! (Cit. Cetto Laqualunque)

    Scusa@CorradoB m'è scappata!!!!

    Inviato dal mio K10000 Pro utilizzando Tapatalk

    • Like 2
    • Haha 1
    Link to post
    CorradoB
    11 minuti fa, Trkspqr ha scritto:

    Ora, la digital IAT, a mio avviso, non fa altro che aggiungere o togliere qualche grado alla temperatura rilevata ma sempre rimanendo nei limiti del range del rapporto stechiometrico configurato...giusto?

    esatto...ma mettendo che la iat possa uscire da quel range sarà la centralina che se non riprogrammata avrà comunque i soliti parametri in cui star dentro....quindi, riprogrammare la eprom della centralina testando il tutto al banco è l'unica cosa che cambia in meglio e affina il motore, con o senza variazione di componenti come filtro o scarico...il resto, centraline aggiuntive programmabili da cellulare con mappe cazzi e mazzi devono sempre sottostare al range di parametri che ha la centralina di serie .... e non me ne vogliate, ma sono "frociate" 😉

    • Like 4
    Link to post
    Popo
    2 ore fa, CorradoB ha scritto:

    l resto, centraline aggiuntive programmabili da cellulare con mappe cazzi e mazzi devono sempre sottostare al range di parametri che ha la centralina di serie .... e non me ne vogliate, ma sono "frociate"

    Infatti l'idea è proprio di fare un test in tutta sicurezza, senza variare l'eprom delle centralina principale ma semplicmente falsando i dati della IAT. La centralina principale, come detto da @CorradoB, nel peggiore dei casi rimarrà comunque dentro ai suoi limiti senza danneggiare il motore.

    @Trkspqr hai ragione, la IAT è un semplice sensore per la temperatura, che però manda segnali importanti per la centralina principale. Il fatto di falsare i dati della IAT, che vengono letti dalla centralina principale, permette di far credere alla stessa che ci sia una temperatura più bassa o più alta; questo si tradurrà in una leggera variazione del rapporto stechiometrico.

    Il punto è: la centralina aggiuntiva, tipo quella di @Stefano ciccarella, che si collega SOLO alla IAT, permette di falsare la temperatura letta e di conseguenza cambiare leggermente il rapporto stechiometrico.

    NEL CASO IN CUI, alla stessa centralina aggiuntiva, si aggiungesse anche un secondo cavo con il segnale dei giri motore, a questo punto saremmo in grado di falsare la temperatura per ogni range di giri motore- -> rapporto stechiometrico che può essere diverso per ogni RPM.
    Esempio: sono a 3'000 RPM e ho una temperatura nel'airbox di 24°C? OK... Intercetto il segnale della temperatura, con la centralina aggiuntiva, e invio alla centralina principale un segnale come se ci fossero 20°C. A questo punto avrei quindi una miscela leggermente più grassa. Salgo di giri, arrivo a 6'000 RPM ma per quelle condizioni la miscella è TROPPO grassa (ipotesi) allora manderò un segnale di temperatura intorno ai 22/23°C (smagrisco portandomi quasi alla temperatura reale).

    Lo step finale di cui parlavo (scusa @Mrz80 se sono troppo tecnico/logorroico/tedioso 😅), consisterebbe nell'aggiungere un terzo segnale in ingresso alla centralina aggiuntiva, che non è altro che un pulsante. Questo ultimo segnale semplicemente va a stabilire (sempre come esempio) se voglio una mappatura tranquilla o magari sportiva, ovvero: tasto accesso o tasto spento. In questo modo posso avere due mappature, la prima magari va a falsare solo leggermente i dati della IAT, mantenendo una miscela abbastanza magra ma leggermente diversa rispetto a quella originale; la seconda, quando si attiva il pulsante, va ad ingrassare maggiormente la miscela solo nel range tra i 6'000 e i 8'000 RPM (sempre come esempio), così da avere più spunto rispetto alla prima mappatura.

     

     

    • Like 1
    • Upvote 1
    Link to post
    CorradoB
    24 minuti fa, Popo ha scritto:

    Infatti l'idea è proprio di fare un test in tutta sicurezza, senza variare l'eprom delle centralina principale ma semplicmente falsando i dati della IAT. La centralina principale, come detto da @CorradoB, nel peggiore dei casi rimarrà comunque dentro ai suoi limiti senza danneggiare il motore.

    @Trkspqr hai ragione, la IAT è un semplice sensore per la temperatura, che però manda segnali importanti per la centralina principale. Il fatto di falsare i dati della IAT, che vengono letti dalla centralina principale, permette di far credere alla stessa che ci sia una temperatura più bassa o più alta; questo si tradurrà in una leggera variazione del rapporto stechiometrico.

    Il punto è: la centralina aggiuntiva, tipo quella di @Stefano ciccarella, che si collega SOLO alla IAT, permette di falsare la temperatura letta e di conseguenza cambiare leggermente il rapporto stechiometrico.

    NEL CASO IN CUI, alla stessa centralina aggiuntiva, si aggiungesse anche un secondo cavo con il segnale dei giri motore, a questo punto saremmo in grado di falsare la temperatura per ogni range di giri motore- -> rapporto stechiometrico che può essere diverso per ogni RPM.
    Esempio: sono a 3'000 RPM e ho una temperatura nel'airbox di 24°C? OK... Intercetto il segnale della temperatura, con la centralina aggiuntiva, e invio alla centralina principale un segnale come se ci fossero 20°C. A questo punto avrei quindi una miscela leggermente più grassa. Salgo di giri, arrivo a 6'000 RPM ma per quelle condizioni la miscella è TROPPO grassa (ipotesi) allora manderò un segnale di temperatura intorno ai 22/23°C (smagrisco portandomi quasi alla temperatura reale).

    Lo step finale di cui parlavo (scusa @Mrz80 se sono troppo tecnico/logorroico/tedioso 😅), consisterebbe nell'aggiungere un terzo segnale in ingresso alla centralina aggiuntiva, che non è altro che un pulsante. Questo ultimo segnale semplicemente va a stabilire (sempre come esempio) se voglio una mappatura tranquilla o magari sportiva, ovvero: tasto accesso o tasto spento. In questo modo posso avere due mappature, la prima magari va a falsare solo leggermente i dati della IAT, mantenendo una miscela abbastanza magra ma leggermente diversa rispetto a quella originale; la seconda, quando si attiva il pulsante, va ad ingrassare maggiormente la miscela solo nel range tra i 6'000 e i 8'000 RPM (sempre come esempio), così da avere più spunto rispetto alla prima mappatura.

     

     

    beh tutto perfettamente logico e fattibile nella teoria....non certo semplice, specialmente senza conoscenza avanzata di elettronica...ma che a questo punto penso tu abbia e allora il "problema" maggiore potrebbe essere solo come "reagisce" il motore a questi cambiamenti... mi intrippano ste cose "artigianali" e sono curioso di vedere cosa succede nella pratica 😉

    Edited by CorradoB
    • Like 1
    Link to post
    Popo

    @Trkspqr ci vorranno mesi ahah sono lento in queste cose.

    Il primo connettore l'ho già ordinato, quindi partirò a fare delle prove tra due settimane. Poi almeno 500 km di test effettivo solo per il primo step (un mese). Se tutto va bene altre due settimane per il connettore numero 2 (RPM), e un altro mese di prove su strada. Poi pulsante o selettore (quante mappe voglio?... ahah... ) e via un altro mese e mezzo.

    Dai a Natale faccio un mega regalo a tutti 😅

    @CorradoB ho le conoscenze per fare solo questa prova, la faccio appunto percho NON so riprogrammare la EPROM e non voglio fare danni. Quindi ci vado con i piedi di piombo.

    @Herr Doktor diciamo che ho più conoscenze di fluido e termodinamica che di elettronica ahah ma penso sia una sfida fattibile questa, in quanto il cervello è ancora legato alla centralina principale, che semplicemente "vede" uno stato di guida che è leggermente distorto da quello reale. Le decisioni e i calcoli rimangono comunque gli stessi e vengono fatti sempre dalla centralina.

    Link to post
    Popo

    @Davide_P chiedo a te perchè non so leggere così facilmente gli schemi elettrici. Nell'altra discussione "Velocità reale Vs segnata" hai trovato il sensore di posizione delll'albero motore, che immagino sia usato per il calcolo de giri motore... immagino. Sai fisicamente dove si trova? Per poter sapere che connettore servirebbe nel caso volessi prelevare il segnale da li.

    Link to post

    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Reply to this topic...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

    ×
    ×
    • Create New...

    Important Information

    Utilizziamo cookie per migliorare l’esperienza di navigazione. Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy. Privacy Policy