Jump to content
Notifica
  • Se questo sito ti piace o ti è stato utile, sostienilo con una donazione. grazie !
  • Articolo estero su benelli record di vendite


    Tubetto

    Recommended Posts

    Ho fatto copia incolla della traduzione.

    Dopo aver letto tutto, mi chiedo: Perché in italia non si fanno articolo del genere? Benelli che supera le vendite di Ducati fa male al mercato italiano??

     

     

     

    La Benelli Motorcycles nei primi cinque mesi del 2020 è stata penalizzata dal calo delle vendite in Cina, Europa e Latam, con un calo globale del 27,7%. Tuttavia, in Cina e in Europa si registra una ripresa e prevediamo non più di 6.000 vendite perse alla fine dell'anno, rispetto al record dell'anno scorso.

     

    Vendite globali nel 2020

     

    La crisi economica globale che segue lo spread covid19 ha colpito moderatamente le vendite globali di Benelli e un secondo semestre di ripresa potrebbe bilanciare il primo semestre.

     

    Nei primi cinque mesi dell'anno, le vendite globali sono state pari a 19.074, in calo del 27,7%.

     

    Le vendite sono diminuite del 32% in Cina e del 28,8% in Europa e del 38,4% nel Latam. Tuttavia, una pronta ripresa è in atto in Europa, grazie alla rapida ripresa del mercato italiano, e in Cina. Stiamo proiettando l'intero anno a 55.000 unità, giù di 6k rispetto all'ultimo anno record di tutti i tempi.

     

    Un'azienda Young nata nel 1911

     

    Benelli Moto nel 2019 ha raggiunto il nuovo record di tutti i tempi nelle vendite globali e dopo aver superato Ducati è ora sfidando posizione Triumph nella classifica moto. Infatti, nei primi nove mesi dell'anno le vendite globali sono state 50.037, in crescita dell'8,7%. Il calo del 26,8% nei paesi di Latam è stato più che bilanciato di un 27,8% nell'Europa occidentale.

     

     

    Benelli TNT600

    Benelli è uno degli antichi marchi motociclistici italiani.

     

    Dopo una lunga e travagliata storia, iniziata a Pesaro nel 1911, il marchio ha recentemente trovato forti mani per migliorare pienamente la qualità tecnica e progettuale e ricostruire una reputazione e una base di clienti in tutto il mondo.

     

    Benelli è in realtà parte del Motor Group Qianjiang, una società con sede a Wenling,Cina sud-orientale. Benelli Q.J. si trova a Pesaro, con la stessa forza lavoro negli stessi locali del precedente proprietario Benelli S.p.A.

     

    Dall'acquisizione cinese (2005) la ricostruzione dell'azienda ha richiesto un po' di tempo e i primi risultati sono arrivati solo nel 2015, quando le vendite hanno superato le 5.000 unità. Tuttavia, dato che lì, l'accelerazione è stata enorme e il team italo-cinese ha fatto un ottimo lavoro nel progettare, lanciare e distribuire diversi nuovi modelli e conquistare progressivamente il cliente in tutto il continente, raggiungendo il livello di vendita di ogni anno e diventando il miglior campione di moto da strada italiane.

     

    Il primo successo commerciale sotto la nuova proprietà era stato raggiunto lontano dalla base. Infatti, nel 2014,quando le vendite totali erano state superiori alle 10.000 unità, il 61% delle vendite di Benelli sono state effettuate nell'ASEAN e solo il 26% in Europa.

     

    Negli anni successivi la crescita delle vendite globali è stata impressionante, con un record ogni anno e le vendite sono cresciute di 5,2 volte tra il 2014 e il 2018. L'ultimo record, raggiunto nella prima volta 2018 con le 50.000 unità, ha permesso a Benelli di superare Ducati nella classifica globale, vendendo 59.750 motociclette in tutto il mondo, a causa della crescita delle vendite in qualsiasi continente.

     

    Il mix 2018 è stato completamente diverso dal 2014, con l'ASEAN che ha contato meno del 10%, EU28 al 27,8%, Latam al 22,4% grazie all'eccezionale attività svolta dal team commerciale internazionale.

     

    Nel 2019,verrà stabilito un nuovo record con vendite superiori a 63.000, sfidando la posizione di Trionfo nella classifica globale. Infatti, nei primi nove mesi dell'anno le vendite globali sono state 50.037, in crescita dell'8,7%. Il calo del 26,8% nei paesi di Latam è stato più che bilanciato di un 27,8% nell'Europa occidentale.

     

    Il mercato top è l'Italia (con il 17,3% del totale).

     

    In realtà seguiamo le vendite di Benelli in 72 mercati.

     

    Benelli

    Benelli-Moto

    Patrimonio di Benelli

     

    Benelli è stata fondata a Pesaro nel 1911, ed è la seconda più antica azienda motociclistica europea in funzione, dopo Peugeot Motorcycles, con la differenza che Peugeot non produce motociclette, ma solo scooter, mentre la gamma Benelli è focalizzata sulle motociclette.

     

    All'inizio era solo il Benelli Garage,che riparava biciclette e motociclette, ma era già in grado di produrre tutti i pezzi di ricambio necessari per le riparazioni.

     

    Durante la prima guerra mondiale, Benelli lavorò duramente per riparare parti per le macchine italiane in guerra e nel 1919 la prima moto fu presentata al pubblico. Nel 1920 l'azienda costruì il suo primo motore completo in-house, un modello monocilindrico a due tempi 75 cc, immediatamente adattato al telaio di una bicicletta. Un anno dopo, nel 1921, Benelli costruì la sua prima moto,utilizzando il proprio motore che era ormai diventato un modello da 98 cc.

     

    Due anni dopo, utilizzando una versione appositamente progettata per le competizioni, Tonino "il terribile" è sceso in pista. Ha mostrato uno straordinario talento naturale come pilota e ha intrapreso una carriera di grande successo che ha confermato l'eccezionale capacità di sviluppo e produzione dell'azienda. In sella a una Benelli 175, Tonino Benelli vinse quattro titoli italiani in cinque anni: nel 1927, 1928 e 1930 con la versione a camshaft (SOHC) a singolo albero in testa, e nel 1931 con la versione DO3 air camshaft (DOHC). Sfortunatamente, un brutto incidente durante una gara nel 1932 interruppe la sua brillante carriera e il 27 settembre 1937 Tonino morì a seguito di un "sciocco" incidente stradale.

     

     

     

     

     

    Mentre incombeva la seconda guerra mondiale, l'azienda Benelli ha debuttato la sua bici da corsa 250cc sovralimentata a quattro cilindri. Questo era destinato a competere nella stagione 1940, basandosi sul successo di Benelli nella gara isle of Man TT Lightweight 250cc del 1939. Con l'inizio della guerra, i Benelli Four si limitarono alla competizione in una manciata di gare nazionali italiane.

     

    Verso la fine degli anni '60,l'arrivo dei produttori giapponesi ha causato una crisi nell'industria motociclistica europea. L'azienda originale Benelli era fortemente coinvolta nel mercato motociclistico americano, vendendo moto sotto 350cc attraverso Montgomery Ward. L'avvento della concorrenza giapponese ha portato i prodotti Benelli (ancora in gran parte di design pushrod monocilindrico) perdendo popolarità in quanto sono stati percepiti come antiquati rispetto alle Honda dell'epoca che sfoggiava motori a camme aeree con starter elettrici, allo stesso modo come i produttori di moto britannici come Norton, BSA e Triumph sono stati colpiti nel settore delle capacità più grandi.

     

    La concorrenza giapponese sta diventando sempre più agguerrita e tecnicamente avanzata. Il declino è stato lento e inevitabile. Nel 1988 Benelli è stato messo in ginocchio. Il Signor Tycoon Industriale Giancarlo Selci, proprietario del gruppo Biesse, ha salvato una brillante azienda da un futuro incerto e ha acquistato Benelli il 23 ottobre 1989. L'azienda si è rivolta al segmento del mercato degli scooter con il modello Devil e Scooty. Sembra che sia iniziato un nuovo tempo, ma dopo i primi momenti di euforia, la prospettiva diventa incerta.

     

    Nel 1995, il Gruppo Fabriano Merloni acquista la maggior parte dei marchi storici. Andrea Merloni, figlio di Vittorio, è leader di nuove aziende e nuovi arrivi con scooter aggressivi 491. Nuovi progetti ambiziosi, scooter e anche moto sportive: Tornado 900cc tre cilindri che si sfideranno anche nel campionato Superbike e 1130cc TnT. Ma Benelli presto affrontò un'altra nuova crisi.

     

    Nel dicembre 2005 Benelli entra a far parte del gruppo cinese QJ,situato a Wenling dove 14.000 persone producono più di 1.200.000 veicoli e due milioni di motori all'anno in una grande fabbrica moderna.

    Link to post

    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Reply to this topic...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

    ×
    ×
    • Create New...

    Important Information

    Utilizziamo cookie per migliorare l’esperienza di navigazione. Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy. Privacy Policy