Jump to content
Notifica
  • Se questo sito ti piace o ti è stato utile, sostienilo con una donazione. grazie !
  • ATTENZIONE..bullone cavalletta spezzato


    Poppy

    Recommended Posts

    Ciao a tutti, apro un altra discussione (in quella già avviata non descrive il fatto)per avvertire tutti della fragilità del bullone/perno della cavalletta laterale.

    Successo due ore fa, fortunatamente non mi sono fatto male pur rimanendo incastrato tra la trk ormai caduta, pur avendo attutito la discesa, e una vespa che stava affianco (chi avrebbe pagato eventuali danni poi non lo so).

    Acquistata nuova da diciotto mesi, sicuramente non si è rotto x usura, a dire la verità son rimasto un po' deluso anche considerando il fatto che la causa possa essere dovuta ad una debolezza dell'acciaio nel bullone.

    Resta il fatto che, a mio parere, un perno del diametro di un centimetro o poco più è insufficiente per il peso del mezzo.

    Edited by Poppy
    Link to post
    Mrz80

    Urca. Mi dispiace molto e, nel male, sono contento che non ti sei fatto male.
    Immagino come ti girino le scatoline, ma(non avermene) non lo hai tenuto un po' controllato? Ormai è un difetto conosciuto. Lo hai controllato o fatto controllare e sembrava a posto?
    Perché un conto è se sembrava a posto, allora era proprio debole dalla fabbrica/difettoso. Diversamente, hai fatto male tu, o il tuo meccanico, a non accorgersi che era lasco e quindi in pericolo.
    P.s. i danni eventuali sono a carico della tua associazione.

    Inviato dal mio Mi 9 SE utilizzando Tapatalk

    Link to post
    Trkspqr
    Sembra abbia ceduto il perno

    Dopo che hai portato l'auto dal gommista controlli i serraggi dei bulloni ruote ?
    Dai Dok non essere pignolo, credo che@Mrz80 intendesse che i serraggi li avrebbe dovuti controllare il meccanico nei vari tagliandi, anche se non è indicato il kilometraggio, e che comunque in un anno e mezzo un occhio il proprietario (qualsiasi non solo lui!) avrebbe potuto buttarci un occhio...

    Inviato dal mio K10000 Pro utilizzando Tapatalk

    Link to post
    Niko il Brusco

    18 mesi.. cede un pezzo.. intervento della garanzia e ristoro di eventuali danni provocati dalla caduta (pure la vespa spiaccicata.. un nome un destino).

    Ne risponde , secondo me e non credo di sbagliarmi, la casa. Senza se e senza ma.

    Faccio il Dok... Vai di PEC.. questo è il caso.

    ..che sfiga però... Mi spiace..

    1 minuto fa, Mrz80 ha scritto:

    Comunque, si.

    ..ti si allunga il naso ...non ci credo. Non volermene.

    • Like 1
    Link to post
    Herr Doktor

    Dovrebbe rispondere l'assicurazione se è previsto, non è collisione con veicolo durante la marcia ma in sosta (regolare ?). Difficile dimostrare che c'è un difetto di costruzione e non mancata manutenzione. Materia scivolosa, bisognerebbe sentire l'assicurazione. A naso paga il proprietario della moto caduta e io proprietario del veicolo con danni mi rifarei su di lui.
    Danni alla moto: potrebbero essere coperti dalla garanzia. Scrivere a Benelli denunciando il fatto

    Link to post
    Niko il Brusco
    2 minuti fa, Herr Doktor ha scritto:

    Dovrebbe rispondere l'assicurazione se è previsto, non è collisione con veicolo durante la marcia ma in sosta (regolare ?). Difficile dimostrare che c'è un difetto di costruzione e non mancata manutenzione. Materia scivolosa, bisognerebbe sentire l'assicurazione. A naso paga il proprietario della moto caduta e io proprietario del veicolo con danni mi rifarei su di lui

    Ha ceduto un pezzo.. un bullone!.. che manutenzione devi fare ad un dado?.. se si spezza è difettato.

    (Sempre che abbia capito giusto la dinamica)

    Link to post
    Mrz80
    18 mesi.. cede un pezzo.. intervento della garanzia e ristoro di eventuali danni provocati dalla caduta (pure la vespa spiaccicata.. un nome un destino).
    Ne risponde , secondo me e non credo di sbagliarmi, la casa. Senza se e senza ma.
    Faccio il Dok... Vai di PEC.. questo è il caso.
    ..che sfiga però... Mi spiace..
    ..ti si allunga il naso ...non ci credo. Non volermene.
    Ho perso una ruota a un cinquecento Sporting nel lontano 2000. Chiave a croce e controllo. SEMPRE

    Inviato dal mio Mi 9 SE utilizzando Tapatalk

    Link to post
    Mrz80

    I mezzi su strada vanno assicurati perché possono causare danni anche se non sono in regolare marcia.
    L'esempio classico è il freno a mano che ci molla nelle auto.
    In questo caso, si è rotto il cavalletto e la moto è caduta sopra la vespa. Se l'ha rovinata, secondo me, l'assicurazione deve pagare.
    Certo è che, essendoci rimasto lui sotto, direi che stava facendo da manovra di alzarla o abbassarla sul cavalletto. Quindi la colpa diventa sua. Resta il fatto che anche se spenta, è comunque una manovra compiuta dal pilota. RCA paga. Non vedo che problemi dovrebbe fare. La paghiamo a posta.

    Inviato dal mio Mi 9 SE utilizzando Tapatalk

    Ha ceduto un pezzo.. un bullone!.. che manutenzione devi fare ad un dado?.. se si spezza è difettato.
    (Sempre che abbia capito giusto la dinamica)
    Cmq dicevo solo che la debolezza di quel pezzo è riconosciuta. Da lui e dall'officina. E dalla casa madre, dato che sui nuovi hanno apportato modifiche. Quindi dico che lui o il meccanico o tutti e due devono tenere quel bullone sotto controllo. Nel senso che se si molla, poi si rompe. E se si molla, se ci guardi, lo vedi in tempo e lo tiri.
    Diverso è se si è spezzato in due di netto, a taglio. Allora hai poco da controllare. O lo cambi a prescindere (ma forse così è troppo) o rischi.

    Inviato dal mio Mi 9 SE utilizzando Tapatalk

    Link to post
    Herr Doktor

    Caso interessante

    SENTENZA

    Corte di Cassazione, sez. VI Civile, ordinanza 11 aprile – 14 dicembre 2017, n. 30075
    Presidente Amendola – Relatore Armano
    Fatti del processo
    F.I. propone ricorso avverso la sentenza del Tribunale di Catanzaro del 29 dicembre 2014 che, a modifica della sentenza di primo grado, ha rigettato la domanda proposta per ottenere il risarcimento per le lesioni subite a causa della caduta sul ginocchio di una motocicletta, di proprietà della moglie N.M. ed assicurata con la Milano Assicurazioni, avvenuta mentre stava mettendola sul cavalletto per effettuare il parcheggio.
    Resiste la Unipol Sai Assicurazioni s.p.a., già Milano Assicurazioni. M.M. non ha presentato difese.
    La causa è stata trattata nella camera di consiglio non partecipata della sesta sezione civile a seguito di proposta di inammissibilità del relatore.
    Il Collegio ha invitato a redigere una sentenza con motivazione semplificata.
    Ragioni della decisione
    1.Con l’unico motivo di ricorso si denunzia violazione della legge 990/69 ex art.360 n.3 c.p.c. – violazione dell’art. 2054 c.c. ex art. 360 n. 4 c.p.c..
    Sostiene il ricorrente che l’assicurazione RCA ha una copertura ampia che si estende a coprire tutti gli usi in linea con la funzione del veicolo stesso.
    La Corte di appello, pur affermando di dover applicare la normativa sulla circolazione stradale, non ha applicato il principio estensivo di circolazione, escludendo la responsabilità del proprietario per difetto del mezzo. Sostiene il ricorrente che il vizio di manutenzione del mezzo onera il proprietario al risarcimento del danno nei confronti del danneggiato ed esclude qualsiasi corresponsabilità del ricorrente inconsapevole.
    Di conseguenza l’art. 2054 comma quarto c.c. statuisce che il proprietario è responsabile dei danni derivati da vizi di costruzione o da difetto di manutenzione del veicolo ed è responsabile anche quando questi eventi dannosi si verificano durante la circolazione con conseguente obbligo dell’assicurazione di risarcire il danno.
    2. Il motivo è inammissibile.
    La Corte d’appello ,dopo aver affermato che si è in presenza di una ipotesi di danno da circolazione di veicoli, con la conseguente applicabilità della L. 99/69, ha ritenuto che il F. risultava essere l’unico responsabile delle lesioni personali subite, poiché egli stesso aveva riconosciuto, con l’atto introduttivo del giudizio di primo grado, che mentre stava parcheggiando la motocicletta di proprietà della moglie, la stessa gli rovinava addosso, cadendogli dal cavalletto. Non si ravvisava quindi una ipotesi di responsabilità di terzi per il danno occorso.
    A conclusioni diverse, prosegue la Corte di merito, non si giungerebbe anche in ipotesi si dovesse ritenere che l’indennizzo fosse stato invocato in base alla polizza infortuni intestata alla moglie, N.M. .
    Infatti detta polizza copriva solo i danni dell’assicurato o di terzi trasportati, ed il F. non ricopriva nessuna di tali qualità.
    3.11 motivo formulato non è congruente con la motivazione in quanto il ricorrente non censura la sentenza della Corte di merito laddove ha affermato che egli è responsabile dei danni procuratisi durante la manovra di parcheggio del motociclo, non ravvisandosi alcuna responsabilità dei terzi.
    La Corte di merito in tale decisione si è attenuta alla costante giurisprudenza di legittimità che ha affermato che “una corretta lettura della norma di cui all’art. 2054 c.c. conduce a ritenere del tutto indifferente, affinché lo si possa considerare “in circolazione”, che un veicolo sia in marcia ovvero in sosta in luoghi ove si svolga il traffico veicolare, dovendosi qualificare come “scontro” qualsiasi urto tra due (o più) veicoli in marcia ovvero tra uno in moto ed uno fermo. Cass. sent n. 281 del 13/01/2015 n. 281,Cass., 16 febbraio 2006, n. 3437.
    Ai fini dell’applicabilità delle norme sull’assicurazione obbligatoria della r.c.a., la sosta può essere equiparata alla circolazione solo se il sinistro sia eziologicamente ricollegabile ad essa e non ad una causa autonoma – ivi compreso il fortuito – di per sé sufficiente a determinarlo. Cass. sentenza n. 5398 del 05/03/2013.
    4. La Corte di merito, se pur con motivazione stringata, nella sostanza ha escluso l’applicabilità delle norme sull’assicurazione obbligatoria individuando la causa del danno nella manovra di parcheggio sul cavalletto eseguita dallo stesso ricorrente.
    5. Tale ratio decidendi non è stata impugnata dal ricorrente che non censura l’affermazione della Corte di merito che individua la causa eziologica del danno nello stesso comportamento del ricorrente con conseguente esclusione della garanzia dell’assicurazione obbligatoria.
    6. Inoltre il ricorrente fa riferimento ad un danno conseguente ad un asserito vizio di costruzione o di manutenzione del veicolo, che è circostanza del tutto nuova, che non risulta dalla sentenza impugnata.
    Né il ricorrente, in violazione dell’art.366 n. 6 c.p.c. indica in quali atti processuali è stata introdotta la circostanza che la causa della caduta sia da individuare nei vizi di costruzione e di manutenzione del veicolo.
    Nessuna censura è stata formulata in relazione alla esclusione della copertura assicurativa della polizza infortuni intestata alla moglie.
    Le spese del giudizio seguono la soccombenza.
    P.Q.M.
    La Corte dichiara inammissibile il ricorso. Condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali liquidate in Euro 3.500,00, di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre accessori e spese generali.
    Ai sensi dell’art. 13 comma 1 quater del D.P.R. 115 del 2002 dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma del comma 1-bis dello stesso articolo 13.

    Link to post
    Niko il Brusco

    Qui si legge che gli è caduta mentre la metteva sul cavalletto ... non che si è spezzato/rotto un pezzo che ha generato la caduta e relativi danni.

    Cose diverse..

    1 ora fa, Mrz80 ha scritto:

    Ho perso una ruota a un cinquecento Sporting nel lontano 2000. Chiave a croce e controllo. SEMPRE

    Ah..ok.. hai la giustifica . Ti credo.. belli spavento . Io non controllo perchè vedo dal vivo quando le cambio. E vedo anche i serraggi... Alcune volte me le serro io, se non ha gente in officina.

    • Like 1
    Link to post

    Allora, scusatemi se non ho potuto intervenire prima..il serraggio del bullone era apposto..fosse stato lasco sicuramente si sarebbero sentiti sferragliamenti in corsa oppure me ne sarei accorto mentre la ruotavo per farla scendere. Il difetto del bullone è evidente..tranciato di netto, ben visibile e pulito nella sezione.

    Per i danni certamente l l'assicurazione avrebbe risarcito il mezzo coinvolto e me medesimo xché ho la copertura conducente..ma sarebbe stato comunque da tirare in causa anche la Benelli che deve garantire la qualità costruttiva dei suoi prodotti, in particolar modo durante la garanzia..di certo l'usura dopo 18 mesi non possono tirarla ballo.

    ..se riesco a postarle appena posso vi invio foto del bullone spezzato..

    • Like 2
    Link to post

    ..se riesco a postarle appena posso vi invio foto del bullone spezzato..

    20200823_124724.jpg

    20200823_124749.jpg

    20200823_124925.jpg

    Nella terza foto si nota ( anche se è sfocata ) che il dado è ancora ben serrato al pezzo di bullone rimasto in sede ..forse anche la sede ha una sua filettatura..non smonto xché voglio portarla così com'è  al concessionario 

    Link to post
    Herr Doktor



    un perno del diametro di un centimetro o poco più è insufficiente per il peso del mezzo.

    Più che il diametro contano le caratteristiche fisiche del materiale. Se l'acciaio è di qualità inferiore deve essere più spesso e non è detto che basti. Io non sono un materialista e non mi lancio in ipotesi di dimensionamento in base al tipo d'acciaio usato. Va da se che un pezzo di bulloneria può nascere difettoso o avere subito danni durante la filettatura
    Link to post

    Certo Dok ..ho anch'io ricordi ancestrali di quando studiavo all IPSIA i vari tipi di acciai ( e la casistica di difetti)  appunto x quello ipotizzo che le forze che esercitano leva in quel tipo di bullone sono sottostimate rispetto ai requisiti dello stesso..o neanche sono state calcolate.

    Della serie..vabbe sfiga, ma beccare proprio il bullone difettato nella cavalletta ce ne vuole😅

    Link to post
    Niko il Brusco
    44 minuti fa, Herr Doktor ha scritto:

    Va da se che un pezzo di bulloneria può nascere difettoso o avere subito danni durante la filettatura

    Penso anche io, se avessero sbagliato il tipo di acciaio ci sarebbero migliaia di moto sdraiate.. e un richiamo sul laterale.

    Non giustifico il fatto, ma può succedere, legge delle probabilitá, sfiga, e garanzia.

    Quando servivo i conc audi vedevo un sacco di R6 e Q7 sui ponti con giú il motore... Un ingegnere aveva sbagliato il calcolo di una spinetta (mi spiegava il capo officina),di pochi centesimi ,che cedeva..li si avevano fatto un errore di progettazione.. spaccava la turbina  e inondava motore e scarico di olio.. interi motori sostituiti in garanzia..

     

    • Upvote 1
    Link to post
    • 2 weeks later...

    Aggiornamento, appena uscito dal secondo tagliando (con un paio di km in più del normale purtroppo, causa impegni). L'officina autorizzata Benelli a casale marittimo PI non ha fatto una piega per sostituirlo in garanzia, pur con un bullone non originale perché ordinandolo non sarebbe arrivato in tempo (sono qui in ferie). Prezzo onesto e professionalita.   

    PS: altra rognetta..controllate il filo dell ABS posteriore,  passando vicino alla marmitta si squaglia, nel montaggio hanno stretto poco la fascetta che lo distanzia

    Link to post
    Niko il Brusco
    9 minuti fa, Poppy ha scritto:

    PS: altra rognetta..controllate il filo dell ABS posteriore,  passando vicino alla marmitta si squaglia, nel montaggio hanno stretto poco la fascetta che lo distanzia

    La stradale.. la x ti cuoce solo la coscetta della zavorrina se non sta attenta.

    Link to post

    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Reply to this topic...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

    ×
    ×
    • Create New...

    Important Information

    Utilizziamo cookie per migliorare l’esperienza di navigazione. Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy. Privacy Policy